N.F.L.I. - XXV° Superbowl - Finale Italiana Di Football Americano
National Football League Italy RAMS Milano Briganti Napoli Marinens Lazio Gladiatori Roma Hi-Tech Media Warriors Bologna Aquile Duchi Ferrara Bengals Brescia Blacks Rivoli Blue Storms Gorla Minore Centurions Alessandria Crusaders Cagliari Martesana Daemons Guelfi Firenze Muli Trieste LONGHORNS Grosseto Grizzlies Roma Skorpions Varese Tigers&Giaguari Hogs Reggio Emilia AMERICAN FELIX Molinella ANGELS Pesaro BLITZ Ciriè Wild Boars Bari RED JACKETS Sarzana REDSKINS Verona FROGS Legnano SAINTS Padova SPARTANS Taranto BOBCATS Parma CHIEFS Ravenna CUS Bologna NEPTUNES LANCIERI Novara WILD DOGS Lanciano Bad Bees Napoli 82'ers The Irishmen PIRATES Savona PREDATORI Golfo del Tigullio RAVENS Imola N.F.L.I.
 - Introduzione
 >> XXVII° Superbowl
 >> XXVI° Superbowl
 >> XXV° Superbowl
 >> XXIV° Superbowl
 >> XXIII° Superbowl
 >> STORICO Superbowl
 >> Albo D'Oro
 >> Foto
 - L'Hotel Associato
 - Come Arrivare
 >> Social Partner
 - Clownterapia
 >> Partner
 - Cà Marta 
 - Harley Davidson 
 - Com. Scandiano 
 - Technogym 
 - Pol. Scandianese 
 - Radio Bruno 
 >> SERIE A, B, C
 - Gentleman Coach A.
 - Trofeo Zerbi - Camisi
 - Trofeo Riccardo Viganò
 - Memorial Scandellari
 - Most Valuable Italian
 - Most Valuable Player
 - Albo D'Oro Superbowl
 - Albo D'Oro Italianbowl
 - Albo D'Oro Silverbowl
 >> FOOTBALL A 8/9
 - Albo D'Oro Ninebowl
 >> JUNIOR LEAGUE
 - Albo D'Oro Youth L.
 - Albo D'Oro Junior L.
 >> TORNEI EUROPEI
 - Eurobowl
 - EFAF Cup
 >> NAZIONALI
 - Campionati Europei
IL COMMENTO DEL XXV° SUPERBOWL

Per il secondo anno consecutivo la National Football League Italiana ha scelto Scandiano quale sede per la disputa del XXV° Superbowl.

Alle Nozze d'Argento del football americano, a "salire sull'altare tricolore" sono ancora loro: i Lions Bergamo. La corazzata orobica, di fronte a quasi 3500 spettatori accorsi allo stadio "Torelli", hanno superato 42-14 i Warriors Bologna aggiudicandosi il loro nono scudetto su dieci finali giocate.

Niente da fare per i felsinei, che hanno giocato la loro quinta finale della loro storia, la prima dopo 17 anni di "astinenza". Ma la festa del Superbowl e' iniziata ben prima del kick off.

Lo Stadio Torelli, ampliato per l'occasione di due tribune ed una zona parterns e Vip, a mezz'ora dal calcio d'inizio era già tutto esaurito. Un grande successo per NFLI e tutti coloro che hanno dato man forte nell'organizzazione di questa finale: dal Comune di Scandiano, alla Polisportiva Scandianese agli Hogs Reggio Emilia.

Con loro i tanti sponsor: Pepsi, Gatorade, Conad, Casali Vini, Righi Gastronomia, Sassuolauto solo per citarne alcuni. Lo spettacolo di questa finale e' iniziato in cielo, con la discesa dei paracadutisti della Body Fly University e del coraggiosissimo Daniele Vismara, figlio del giocatore degli Hogs Maurizio Vismara a loro legato per una discesa in "tandem" sul Torelli ed e' finito in cielo, con i fuochi d'artificio a salutare la vittoria dei Lions ed il secondo posto dei Warriors Bologna.

In mezzo i colori del pubblico, il grande tifo corretto delle due squadre, i balletti delle cheerleaders dei Red Jackets Sarzana, la sfilata delle squadre vincitrici degli altri campionati NFLI, gli scherzi ed i sorrisi dei clown di Vip-Clownterapia.

Il countdown vero e proprio della finale inizia con l'ingresso delle due squadre finaliste in mezzo a stelle filanti e le assordanti trombe dei tifosi di entrambe le squadre. Dopo l'esecuzione dell'inno nazionale al calcio d'inizio sul "Torelli" piomba il silenzio per ricordare le vittime dell'attentato di Sharm El Sheick. Poi ha inizio la grande festa del gioco sul campo.

Partono subito fortissimo i Warriors grazie ad un ritorno di calcio di 32 yards di Freddini che li porta nella meta' campo dei Lions. Un paio di corse di Greene, di lanci di McDonagh su Panzani e Piva ed i Warriors sono ad una sola yards dal touchdown. Ma la difesa dei Lions sale in cattedra e Castellano placca McDonagh per una perdita di 9 yards.

I Guerrieri tentano il field goal con Vicinelli ma il calcio e' impreciso. Sul successivo attacco clamorosa sfuriata dei Lions che con Cross, Ceroli e Barbotti arrivano fino a tre yards dalla linea di meta dei Warriors. E' Cross ad inaugurare le marcature con una corsa centrale di 3 yards.

La trasformazione e' opera di Marone. Su questa azione finisce anche il primo quarto. I Warriors non si scompongono e pareggiano i conti. Sul kick off un bellissimo touchdown viene annullato in quanto il ritornatore era uscito dal campo.

Ma Greene (bravissimo nel doppio ruolo attacco difesa) e compagni arrivano a ridosso della end zone. E' Panzani a pareggiare i conti raccogliendo un lancio di 12 yards di McDonagh. La curva gremita di tifosi bolognesi esplode e si lancia a dare l' "high-five" al giocatore. Il calcio di Vicinelli porta la partita sul 7-7. Gli orobici però fanno vedere di che pasta sono fatti. Nuovo drive offensivo con Barbotti, Ceroli e Cross sugli scudi.

E' poi il quarterback David Macchi a chiudere in touchdown con una corsa personale di 35 yards. Marone non fallisce e si va sul 14-7 a due minuti e trentotto dalla fine del primo tempo. I Warriors ripartono bene ma Piva dopo aver ricevuto un bel pass da McDonagh perde palla e Bassi ricopre l'ovale riportando in campo l'attacco oro-nero.

I Warriors riescono a contenere bene fino a pochi secondi dalla fine complice anche un fallo a Florese per comportamento antisportivo ma a tredici secondi dal fischio Macchi serve in end zone Ceroli che non perdona si va al riposo sul 21-7. E' la svolta dell'incontro.

Nella ripresa i Lions dilagano e mettono il sigillo sul loro nono scudetto e la 73esima vittoria consecutiva dal 1998. Prima Ceroli riceve in end zone un pass di Macchi, (28-7), poi e' Barbotti (due spettacolari ricezioni per lui) a mettere la parola fine raccogliendo il pass di 31 yards di Macchi in area di meta (35-7).

Nell'ultimo quarto c'e' gloria anche per il giovane italiano Ghislandi che sigla con una corsa di 3 yards dopo aver percorso tutto il campo con alcune sfuriate. A pochi minuti dal termine secondo touchdown per i Warriors con Panzani servito per 18 yards da McDonagh.Vicinielli non fallisce.Le restanti azioni fanno scorrere il tempo ed il XXV Superbowl termina sul punteggio di 42-14. Alla fine fuochi d'artificio e le premiazioni in campo.

MVP dell'incontro, scelto dalla stampa in tribuna (presenti anche Carlo Gobbi per la Gazzetta dello Sport, Massimo Terracina per il Corriere dello Sport ndr) e' l'oriundo Mike Ceroli. I suoi numeri totali ( 3 corse per 20 yards, 3 ricezioni per 27 yards e 2 td, 2 ritorni per 39 yards, sono inferiori di quelli di Walter Cross (16 corse per 163 yards ed 1 td), ma l'atleta da Bloosberg College (DIV II Ncaa) e' stato premiato per aver messo a segno tutte le azioni decisive dell'incontro.

"E' stata una bellissima serata-commenta il presidente NFLI Giovanni Cantu'- desidero ringraziare le squadre, il pubblico, l'amministrazione di Scandiano, la Polisportiva, gli Hogs, gli sponsor e tutti coloro che ci hanno dato una mano, vedere oltre tremila persone trasformare il "Torelli" in una bomboniera e' stata una emozione".

Questo bellissimo Superbowl, il venticinquesimo, e' stato anche un bel regalo a Gianni Colombo, se oggi siamo qui a giocare a football in Italia lo dobbiamo soprattutto a lui oltre che a Bruno Beneck, i nostri due "papà" dal cielo avranno goduto anche loro dello spettacolo".

Ma il Superbowl e' stato anche solidarietà con la Vip-Clownterapia e Io Ci Sono Onlus (lotta alla neurofibromatosi) che hanno raccolto fondi tra il pubblico ed informato sulle loro attività.

Il Tabellino

Warriors Bologna 14
Lions Bergamo 42

(0-7,7-14,0-14,7-7)

Marcatori: td Cross (L) 3 yards run +1 Marone(L), td Panzani (W)12 yards pass+1 Vicinelli (W),Td Macchi (L) 35 yards run+1 Marone (L), Td Ceroli (L) 13 yards pass+1 Marone (L),Td Ceroli (L) 11 yards pass+1 Marone (L), Td Barbotti (L)+1 Marone (L), Td Ghislandi (L) 3 yards run+1 Marone (L), Td Panzani 18 yards pass (W)+1 Vicinelli (W).

Note: spettatori 3500 circa.

Un minuto di silenzio prima del calcio d'inizio per ricordare le vittime dell'attentato di Sharm El Sheick.