N.F.L.I. - XXIV° Superbowl - Finale Italiana Di Football Americano

National Football League Italy Serie A1 Acufon Lions Bergamo Briganti Napoli Dolphins Falconara Giants Bolzano Marinens Lazio Gladiatori Roma Panthers Parma Rhinos Milano Hi-Tech Media Warriors Bologna Serie A2 Corsari Palermo Aquile Duchi Ferrara Barbari Roma Nord Bengals Brescia Blacks Rivoli Blue Storms Gorla Minore Centurions Alessandria Crusaders Cagliari Draghi Udine Falcons Brugherio Elephants Catania Guelfi Firenze Muli Trieste Mustangs Trieste Grizzlies Roma Sharks Palermo Skorpions Varese Tigers&Giaguari Hogs Reggio Emilia Serie B AMERICAN FELIX Molinella ANGELS Pesaro BLITZ Ciriè Wild Boars Bari DRAGONS Salento RED JACKETS Sarzana REDSKINS Verona FROGS Legnano SAINTS Padova SPARTANS Taranto WOLFZ Merano TITANS Romagna BOBCATS Parma CHIEFS Ravenna CUS Bologna NEPTUNES EAGLES Salerno LANCIERI Novara MASTINI Verona PIRATES Savona PREDATORI Golfo del Tigullio RAVENS Imola N.F.L.I.
thumbnail immagine
 - Introduzione
 >> XXVI° Superbowl
 >> XXV° Superbowl
 >> XXIV° Superbowl
 >> XXIII° Superbowl
 >> STORICO Superbowl
 >> Albo D'Oro
 >> Foto
 - L'Hotel Associato
 - Come Arrivare
 >> Social Partner
 - Clownterapia
 >> Partner
 - Cà Marta 
 - Harley Davidson 
 - Com. Scandiano 
 - Technogym 
 - Pol. Scandianese 
 - Radio Bruno 
 >> SERIE A, B, C
 - Gentleman Coach A.
 - Trofeo Zerbi - Camisi
 - Trofeo Riccardo Viganò
 - Memorial Scandellari
 - Most Valuable Italian
 - Most Valuable Player
 - Albo D'Oro Superbowl
 - Albo D'Oro Italianbowl
 - Albo D'Oro Silverbowl
 >> FOOTBALL A 8/9
 - Albo D'Oro Ninebowl
 >> JUNIOR LEAGUE
 - Albo D'Oro Youth L.
 - Albo D'Oro Junior L.
 >> TORNEI EUROPEI
 - Eurobowl
 - EFAF Cup
 >> NAZIONALI
 - Campionati Europei
IL COMMENTO DEL XXIV° SUPERBOWL

Per il quarto anno consecutivo sono stati i Dolphins Ancona e i Lions Bergamo i finalisti della ventiquattresima edizione del Superbowl Italiano.

Allo stadio di Osio Sotto (Bg), davanti a 700 spettatori, gli orobici campioni d'Italia in carica e vice campioni d'Europa hanno superato 34-15 i Marines Lazio al termine di una partita che sino alla fine del primo tempo (13-13) e' stata giocata sul filo dell'equilibrio. Nella seconda frazione di gioco poi i Lions, un po' spaesati nei primi due quarti, hanno messo la quinta e staccato il biglietto per il XXIV Superbowl, che si disputa per la prima volta allo Stadio Torellli di Scandiano (RE).

Parlando dei Dolphins, la squadra marchigiana ha conquistato per il quarto anno consecutivo la finalissima del massimo campionato di football americano superando le Aquile Ferrara 22-3. I Dolphins sostenuti dagli oltre 1.000 spettatori giunti allo Stadio "Dorico" per tifare per i colori di casa, non hanno avuto pietà per gli estensi lasciando all'attacco delle Aquile solo un field goal. A metà gara il risultato era praticamente acquisito con i Dolphins avanti 19-3 grazie alle peripezie del quarterback Greco e degli oriundi Gear e Siciliano. Nella ripresa nuovo allungo dorico con un field goal.

Giunte in finale le due squadre si sono affrontate in un duello alla pari e con un solo punto di scarto i Lions Bergamo sono riusciti a conquistare il loro ottavo scudetto. Davanti a 1500 spettatori, che hanno gremito all'inverosimile la tribuna dello Stadio Torelli sfidando il maltempo che ha imperversato su Scandiano (Reggio Emilia) per tutta la giornata di sabato, gli orobici hanno rischiato di perdere il record di imbattibilità sul suolo italiano che li vede protagonisti dal 1998. I Dolphins Ancona hanno giocato una partita stupenda, intercettando per ben tre volte il quarterback dei Lions Bucciol. Solo un extrapoint e un calcio addizionale fallito ha negato ai dorici il sapore del primo scudetto.

I Lions Bergamo dalla loro hanno saputo mantenere la giusta concentrazione, anche nei momenti peggiori. Sino a tre minuti dalla fine gli orobici infatti perdevano 13-7. Da segnalare anche che una tromba d'aria a mezzogiorno di sabato aveva rischiato di mettere a repentaglio il buon svolgimento del Superbowl. Tutte le transenne, gli spazi pubblicitari, i gazebo, i palloni pubblicitari erano stati spazzati via dalla bufera seguita da una pioggia intensissima.

In poche ore, in una corsa contro il tempo senza eguali i volontari della federazione e Lega delle squadre NFLI con il presidente Giovanni Cantù in testa, della Polisportiva Scandianese e del Comune di Scandiano con l'assessore allo sport Claudio Pedroni anche lui direttamente impegnato hanno rimesso a lucido lo stadio.

Alle 20:30 lo show è iniziato con l'ingresso delle due squadre in campo in una miriade di stelle filanti e centinaia di palloncini colorati offerti da Conad, uno dei partner di questa finalissima insieme a Pepsi, Gatorade e McDonald's e a tante altre aziende di prodotti tipici dei Colli di Scandiano. Davanti la tribuna i clown di Viviamo in Positivo, i volontari della "clownterapia" a cui e' andato parte dell'incasso per beneficenza divertivano il pubblico con numeri da circo insieme alle cheerleaders. Il calcio d'inizio simbolico e' stato dato dal recordman italiano dei 110 ostacoli, l'azzurro Andrea Giaconi.

Partono in attacco i Lions ma i primi a segnare sono i Dolphins Ancona che concludono in meta un lungo drive offensivo. A varcare la end zone e' il quarterback statunitense Charles Duke Greco con una corsa da 7 yards.

La trasformazione da un punto e' siglata da Morichi.

Nel secondo quarto i Lions raggiungono il pareggio con una spettacolare corsa di ben 63 yards del runningback Keith Bartinsky. Trasformazione da un punto a firma di Marone.

Il secondo quarto si chiude con la difesa dei Dolphins sugli scudi che riesce a bloccare i Lions a poche yards dal touchdown.

Nel terzo quarto nuovo allungo dei Dolphins che vanno in meta con l'oriundo Gear servito con un bel lancio di 27 yards da Greco. La trasformazione, che risulterà decisiva di Morichi da un punto finisce di poco a lato. I Lions cercano il pareggio ma il quarterback Bucciol viene intercettato più volte. Quando tutto sembra volgere al peggio per i Lions, a tre minuti e tredici secondi dal termine ci pensa ancora Bartinsky con una corsa di 35 yards a portare in meta gli orobici.

Il punto addizionale che vale uno scudetto e' siglato dal kicker Marone. Con meno di due minuti dal termine i Dolphins falliscono il primo assalto all'area dei Lions, ma a cinquanta secondi dalla fine pur nelle loro 20 yards hanno quattro tentativi ancora per tentare l'ultimo disperato assalto al tricolore.

I quattro lunghi lanci di Greco per i ricevitori, complice la pioggia però non vengono completati. Lo scudetto rimane quindi saldamente in mano dei Lions Bergamo, che dal 1998 non perdono una partita. Alla fine il presidente federale Giovanni Cantù e l'assessore allo sport Claudio Pedroni hanno premiato i Lions Bergamo e Keith Bartinsky come miglior giocatore dell'incontro (MVP).

 
A1 2 Giugno
Decima Giornata
Acufon Lions Bergamo Vs Hi-Tech Media Warriors Bologna Rhinos Milano Vs Giants Bolzano
 
A2 2/3 Giugno
Quarti Di Finale
Hogs Reggio Emilia Vs Blue Storms Gorla Minore
Corsari Palermo Vs Guelfi Firenze
Skorpions Varese Vs Barbari Roma Nord
Aquile Ferrara Vs Elephants Catania
 
B 2/3 Giugno
Nord-Ovest - Emilio They Trophy
Frogs Legnano Vs Rinoceronti Milano
Nord - Alberto Lorenzi Trophy
Redskins Verona Vs Wolfz Merano
Sud - Paolo Caccamo Trophy
Eagles Salerno Vs Gladiatori Roma
Ovest - Nanni Bertorello Trophy
Predatori Golfo del Tigullio Vs Red Jackets Sarzana
Est - Lucio Zanetti Trophy
Angels Pesaro Vs Titans Romagna